Home » Archives by category » Il Peperoncino (Page 5)

Lo so che a parlare ancora di politica e di risultati elettorali vi prendono conati di vomito, ma c’è un particolare che vorrei farvi osservare con attenzione. Un giovanotto pesarese, parlamentare dei 5 stelle alle scorse elezioni, si candida nuovamente per il 4 marzo. Nel frattempo i distratti contabili del Movimento si accorgono che non […]

Continue reading …

 All’inizio c’era il baratto: semplificando io ti do una pecora e tu mi dai un sacco di grano. Le discussioni potevano nascere dalle dimensioni della pecora a quelle del sacco. Non erano transazioni agili e si scoprì che era opportuno scambiare le merci con pezzetti d’oro o d’argento. Nacquero così le banche che conservavano per conto del […]

Continue reading …

A Macerata tre nigeriani si rendono responsabili di un bruttissimo episodio di cronaca nera. Anchese la vittima è una donna i giornali non parlano di “femminicidio”. Il termine, per i mass media, si usa esclusivamente se il colpevole è di razza bianca; in questo caso è solo un efferato omicidio. I giorni successivi un mentecatto, per fortuna […]

Continue reading …

La Coca Cola nasce come bevanda gassata e zuccherata, con caffeina ed altro. Poi diventa senza caffeina, senza zucchero; ma ora che caspita contiene?Buono il latte magro e fa bene alla salute, ma i grassi che estraggono li buttano o ci fanno dei formaggi? Acquisto una fetta di gorgonzola, sull’etichetta c’è scritto “senza lattosio”. Come […]

Continue reading …

Una volta, quando la vita era più semplice, c’erano tre tipi di pane: quello bianco dei signori, quello  scuro dei contadini, e quello nero del cane, ottenuto spazzando il magazzino e raccogliendo i residui di farina, di grano, mais o ghianda. Fra i primi due non vi era una gran differenza di sapore, il terzo […]

Continue reading …

Dice un amico, “Io non guardo mai la pubblicità”. Male, molto male, bisogna invece esaminarla con aria critica per scoprire le panzane che ci propone e saperci difendere. Partiamo dai trattamenti dimagranti. Ci sono due foto: prima e dopo la cura; almeno tre taglie di differenza. Anche io mi sono fatto una foto del genere, […]

Continue reading …

Bisogna parafrasare la canzone di Angelo Branduardi per capire meglio la tassa sui sacchetti di plastica riciclabile che i supermercati sono stati costretti ad imporci. Direte: ma per due centesimi (a volte anche cinque) cosa vuoi che sia! Non è vero, noi la bustina la paghiamo due volte; la prima al prezzo della merce che […]

Continue reading …

Non stiamo parlando delle famose arance siciliane e nemmeno della divinazione del futuro con le carte; ci riferiamo alla voce dialettale “taroccato” nel senso di falso o imitazione di un prodotto di pregio sostituito da un altro non originale e di qualità molto inferiore. A volte può essere un divertimento o uno scherzo: Ad esempio […]

Continue reading …

Attila venne a casa mia, in visita con i genitori, in un triste pomeriggio domenicale. Attila non è il suo vero nome, che è carico di k h j y, uno di quei nomi che non esistono sul calendario. Cominciò subito a saltare con gli scarponcini sul divano: “Forse potresti toglierti le scarpe” suggerii. “No, […]

Continue reading …

“Angelo di Dio …” La preghierina me l’avevano insegnata la nonna e la suora che faceva catechismo; la recitavo la sera e dormivo tranquillo tutta la notte. Crescendo l’Angelo custode si fece da parte per palesarsi nuovamente quando la lettura della Bibbia e di alcuni buoni libri mi presentarono meglio queste Figure che fanno da […]

Continue reading …