Home » Archives by category » Il Peperoncino (Page 2)

Quest’anno mi ero ripromesso di evitare la Fiera, vuoi per la confusione che per il male alle gambe che provocano alcune ore di passeggiata a ritmo lento e soste frequenti. Poi l’attrazione di una targa di spianata con la mortadella ha vinto sulle mie remore. Con un po’ di fatica l’ho già digerita. Per arrivare […]

Continue reading …

Io odio gli anglicismi

1 Comment

Chi segue queste mie stravaganti noterelle sa che odio gli anglicismi, per gli altri lo affermo ora. Non che non conosca la lingua di Albione, arrivo persino ad ordinare una birra o chiedere l’orario dell’autobus, ma sono dell’opinione che se parli italiano usi questa lingua e se parli inglese usi quella. Non sopporto la mescolanza […]

Continue reading …

Avete visto tutte le partite dei mondiali? Io no. Solo alcuni pezzi chiedendomi chi giocasse contro chi e quale fosse la posizione delle varie nazionali in classifica. Allora direte: ma come ti permetti di scrivere su un argomento di cui non sai nulla? Perché; voi credete che i soloni che concionano sul telegiornale di economia […]

Continue reading …

Pubblicità Progresso: la sagoma di un cane morto tracciata col gesso sull’asfalto ci ricorda gli animali abbandonati in strada per finire poi maciullati da un automezzo. Il telegiornale trasmette l’intervista di una esponente della Lav che ricorda i diritti degli animali. Tutto troppo giusto e commovente, mi torna in mente quando il mio cane era […]

Continue reading …

Se dovessimo definire la nostra epoca dovremmo dire la società del Rifiuto. Ogni giorno i mezzi della nettezza urbana raccolgono tonnellate di materiale da portare al riciclo o alla discarica. Ma i nostri nonni come facevano? Innanzitutto gli scarti erano pochi perché gli acquisti erano limitati. La carta, poca anche quella, era utilissima per accendere […]

Continue reading …

Analisi cliniche di routine; alla reception mi passano un foglio da firmare: “È per la privacy”. La fila alle mie spalle è lunga e non faccio polemiche ma mi sorgono delle domande. Intanto conosco il titolare del laboratorio che è una persona seria, quasi un amico. In ogni caso dovrebbe essere lui a garantirmi la […]

Continue reading …

L’estate è tempo di magliette colorate e spesso sono decorate da scritte in inglese che possono significare qualsiasi cosa. Bellissimo vedere la zingarella che chiede l’obolo al semaforo con una scritta davanti “University of New York”. Ora solo un becero razzista come me può pensare che questa non si è mai laureata in quella università […]

Continue reading …

Baretto al mare, vicino a Fosso Sejore, la ragazza che lavorava lì l’estate precedente e che tutti noi conoscevamo benissimo, era tornata per salutare le colleghe e avendo passato la notte al lavoro sbadigliava. “Ti faccio un caffè? – le disse la collega – anzi, puoi farlo da sola visto che sei più brava di […]

Continue reading …

Il mostro cromato era parcheggiato nel corridoio della casa del nonno. Apparteneva al suo socio che lo teneva sempre coperto con una tenda per evitare la polvere. Io avevo 8 anni e tutti mi mettevano in guardia dall’avvicinarmi alla bellissima Moto Guzzi 500 per timore che mi si rovesciasse addosso. Un giorno il mezzo venne […]

Continue reading …

Matrimoni reali non ne avvengono tutti i giorni e ben due reti televisive hanno deliziato il colto e inclito pubblico delle immagini della cerimonia. Derogando per una volta dai miei principi e abitudini ho voluto assistere allo spettacolo. Avevo come consulenti le donne di casa e speravo nel loro aiuto per districarmi fra i vari […]

Continue reading …