Home » Archives by category » Il Peperoncino

Ma c’è ancora la buona educazione?

Mia madre mi ha creato dei traumi psicologici. Mi ha sempre detto: comportati bene, sii rispettoso degli altri, davanti ad una porta fai sempre passare prima le signore, non dire brutte parole specie quella che costituisce l’interiezione tipica pesarese, dai la precedenza a quelli che arrivano prima di te. Tutte queste indicazioni mi hanno condizionato […]

In questa semplice frase si identifica appieno il carattere del popolo italiano. Intanto siamo lamentosi, anzi decisamente lagnosi. Lo scorso anno in tempi di siccità si sentiva dire, magari scherzando: “Non piove governo ladro”. Sempre a lagnarsi. Eppure l’abbondanza di piogge di quest’anno ha provocato danni all’impianto che fornisce acqua potabile alla città. Sembra che […]

Continue reading …

Strano popolo gli americani; quando si incontrano si salutano “How do you do?” e l’altro senza accenno di risposta ripete la stessa frase. Sono pragmatici, sanno che i problemi di salute del prossimo non interessano. In Italia invece guai a chiedere come stai. Inizia una lunga catena di problemi, doloretti, operazioni, malattie incurabili che al […]

Continue reading …

Mi fecero entrare, anzi mi trascinarono, all’interno del ristorante macrobiotico. Proprio quello di cui   i giornali riempiono le pagine in questi giorni. Io, veramente avrei preferito andare a mangiare le tagliatelle coi fagioli a Novilara ma, essendo in democrazia, mi piegai ai voleri della maggioranza.Ci portarono una tazza di brodino, che definire insipido è un […]

Continue reading …

Lo so che a parlare ancora di politica e di risultati elettorali vi prendono conati di vomito, ma c’è un particolare che vorrei farvi osservare con attenzione. Un giovanotto pesarese, parlamentare dei 5 stelle alle scorse elezioni, si candida nuovamente per il 4 marzo. Nel frattempo i distratti contabili del Movimento si accorgono che non […]

Continue reading …

 All’inizio c’era il baratto: semplificando io ti do una pecora e tu mi dai un sacco di grano. Le discussioni potevano nascere dalle dimensioni della pecora a quelle del sacco. Non erano transazioni agili e si scoprì che era opportuno scambiare le merci con pezzetti d’oro o d’argento. Nacquero così le banche che conservavano per conto del […]

Continue reading …

A Macerata tre nigeriani si rendono responsabili di un bruttissimo episodio di cronaca nera. Anchese la vittima è una donna i giornali non parlano di “femminicidio”. Il termine, per i mass media, si usa esclusivamente se il colpevole è di razza bianca; in questo caso è solo un efferato omicidio. I giorni successivi un mentecatto, per fortuna […]

Continue reading …

La Coca Cola nasce come bevanda gassata e zuccherata, con caffeina ed altro. Poi diventa senza caffeina, senza zucchero; ma ora che caspita contiene?Buono il latte magro e fa bene alla salute, ma i grassi che estraggono li buttano o ci fanno dei formaggi? Acquisto una fetta di gorgonzola, sull’etichetta c’è scritto “senza lattosio”. Come […]

Continue reading …

Una volta, quando la vita era più semplice, c’erano tre tipi di pane: quello bianco dei signori, quello  scuro dei contadini, e quello nero del cane, ottenuto spazzando il magazzino e raccogliendo i residui di farina, di grano, mais o ghianda. Fra i primi due non vi era una gran differenza di sapore, il terzo […]

Continue reading …

Dice un amico, “Io non guardo mai la pubblicità”. Male, molto male, bisogna invece esaminarla con aria critica per scoprire le panzane che ci propone e saperci difendere. Partiamo dai trattamenti dimagranti. Ci sono due foto: prima e dopo la cura; almeno tre taglie di differenza. Anche io mi sono fatto una foto del genere, […]

Continue reading …
Page 1 of 9123Next ›Last »