Ciao uomo giusto!

Calcinelli
di Redazione

Alle esequie di don Giuseppe Monaco, presiedute giovedì 28 gennaio dal Vescovo Armando, tante sono state le persone che hanno voluto leggere o portare il proprio salute a don Peppe, a cominciare dal gruppo Scout FSE. Riportiamo un estratto delle parole di Fabio Francesconi.

Caro Don Peppe,

oggi nessuno riuscirebbe a parlare a questo microfono con quella voce squillante e potente che avevi tu quando, da quell’ambone, ti rivolgevi a noi. La tua morte così repentina ci ha lasciato tutti senza fiato ed è quasi impossibile opporsi al pianto. A nessuno basterebbe il tempo delle tue infinite omelie per raccontare di momenti felici e aneddoti divertenti  di te e con te.

Un amico vero. Sono certo però che chiunque, trovandosi al mio posto, racconterebbe di un amico vero, dai modi talvolta severi e bruschi ma capace di un affetto profondo.

Racconterebbe di un uomo buono, generoso, gioviale ed entusiasta ma al tempo stesso orgoglioso, disordinato e testardo che troppe volte perdeva la pazienza senza mai perdere la speranza e la voglia di ricominciare.

Hai urlato e sbattuto porte in faccia a tanti di noi ma sei stato capace di riaprirle con sommessa umiltà anche quando ti abbiamo voltato le spalle.

Sei stato per tutti un padre buono e misericordioso, una guida, un fratello, un amico con il quale gioire, divertirsi, confrontarsi e scontrarsi ma soprattutto crescere. L’amicizia era per te sorgente e rifugio e quando pensavi che potesse venir meno avevi paura e soffrivi – ed è proprio in quei momenti – nonostante si manifestasse con i modi più duri – che abbiamo visto il tuo lato più fragile e più tenero che ci ha fatti innamorare di te.

Te ne vai come usavi fare spesso – lasciando la festa prima che fosse finita, sbattendo le tue mani sul tavolo ed esclamando “ECCO” – come a dire “tutto è compiuto, vi ho dato ciò che potevo, ora andate avanti senza di me”.

Umiltà. Ci lasciavi soli mentre tu ti ritiravi nella tua intimità fatta di fatiche, di semplicità e di umiltà. Nell’infinito affetto e nella dedizione per tua Madre Piera e tua sorella Annunciata ci hai insegnato l’amore, un amore che porta alla santità.

La festa non è ancora finita ma tu ci lasci soli anche questa volta con l’amara consapevolezza però – che non ti rivedremo mai più.

Non siamo soli. Nell’omelia della notte del tuo ultimo Natale ci urlavi: “IMPRESSIONANTE, NON CI DOBBIAMO FERMARE…perché DIO ci ha visitato

…e nel nostro desiderio continuerà a visitarci Non siamo soli, siamo in compagnia di un amore pieno – totale – che va al di la delle paure, dell’incertezza, della perplessità !

Perché l’amore non sta a guardare…e giorno dopo giorno diventa strumento di vita nuova.

Noi abbiamo la certezza – DON – che sei salito in cielo e che il Signore ti abbia riconosciuto ed abbia visto in te tutti i cuori delle persone che hanno sperimentato la carità delle tue opere. La tua vita resterà l’omelia più bella che ci hai lasciato.  Ciao UOMO GIUSTO. Veglia su di Noi!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *