Sul sentiero Frassati

Cagli
di Redazione

Nonostante il Covid-19 e rispettando tutte le norme di sicurezza vigenti, il pellegrinaggio sul sentiero di Piergiorgio Frassati non si ferma. Tra venerdì 3 e sabato 4 luglio, partirà, infatti, il pellegrinaggio notturno del giovane Frassati, iniziativa organizzata con il patrocinio della Giovane Montagna sottosezione “P.G. Frassati”.

Il passo dell’altro. “Gli scorsi anni – si legge nell’opuscolo-guida – scrivevamo: «Avere il passo dell’altro, rispettare i suoi tempi è forse quello che ci costa di più. La fretta, la frenesia e l’individualismo con cui viviamo le nostre giornate ci portano a scartare tanti che non riescono a tenere il passo. In montagna non si abbandona nessuno. Ci si aspetta. Si condivide la fatica e il pane. Si tiene il passo degli ultimi». Quest’anno il COVID-19 ci ha drammaticamente sbattuto in faccia questa realtà. Ha accelerato il cammino di tutti aiutando a discernere l’essenziale, a “rallentare” il passo della vita per renderla più umana e fraterna. Camminare verso l’alto è per i cristiani condividere il pane e riconoscere annacquare il vangelo è vivere in modo egoistico, preoccupati solo di guadagnare, senza il desiderio di condividere, con la paura dell’altro nel cuore, con la paura della morte che ci spinge a vedere la “sicurezza” come l’unico modo per vivere bene”.

Linee guida Covid-19. Alla partenza tutti i partecipanti debbono avere le mani igienizzate e la mascherina a disposizione al fine di indossarla sia quando si incontrano altri escursionisti sia in caso di vento forte o moderato. Il coordinatore del pellegrinaggio avrà a disposizione un kit di 5 mascherine e un prodotto a base alcoolica per l’igienizzazione delle mani. All’inizio del pellegrinaggio il coordinatore informerà tutti i partecipanti circa le regole di condotta da mantenere indicate in un modello che poi sarà formato dai singoli partecipanti. Chi partecipa deve dichiarare di non avere sintomi febbrili e che non sia stato sottoposto al regime della quarantena.

Percorso. Il percorso prevede il ritrovo, alle ore 20.45, a Fonte Avellana. Alle ore 21 verranno fornite  le precauzioni da adottare per prevenire i rischi del contagio COVID-19. Ore 21.30 – 1° tappa – La sete – (1.30’ + 15’ sosta) Fonte Avellana – Bocca della Porta; ore ore 23.15: Il cammino – 2° tappa (1.30’ + 15’ sosta) Bocca della Porta – Monte Schioppettino; ore 01.00 3° tappa (2.00’ + 30’ sosta) Monte Schioppettino – Rifugio Valpiana; ore 03.30 4° tappa (1.00’ + 1.30’ riposo) La sorgente – Rifugio Valpiana – Monte Morcia. Al sorgere del sole Celebrazione dell’Eucaristia ore 06.00 5° tappa (2.30’) Monte Morcia – Pradel de la pozza – Monte Bambino – Cagli; ore 08.45 La meta – Cattedrale di Cagli – Benedizione e memoria del Battesimo con l’acqua raccolta da tutti i Sentieri Frassati d’Italia Il ristoro – Colazione stile COVID offerta dalle mamme di Cagli.

A tutti è richiesto di segnalare l’adesione personale entro il 2 luglio 2020.

Per info: DON FRANCESCO PIERPAOLI: 333.9771270; uomodovesei@gmail.com DON GIORGIO PAOLINI: 329.6197388 giorpao1@alice.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *