Zero sprechi in cucina!

Le Acli provinciali con il contributo del 5 per mille si sono proposte, attraverso la realizzazione di un progetto “zero sprechi in cucina”, di diffondere le buone prassi per una riduzione degli sprechi, organizzando una serie d’incontri che hanno visto la partecipazione di esperti in materia di alimentazione, chimica degli alimenti e di educazione allo spreco riferito in particolar modo ai bambini.

Candelara. Il circolo Acli di Candelara in collaborazione con la “Casa di Capra e Cavoli 23” ha organizzato il laboratorio per bambini “Mani in pasta”, al quale hanno partecipato diversi bambini e si è realizzato un laboratorio dove gli stessi hanno fatto la pasta fatta in casa con la maestra Eleonora e hanno collaborato nella realizzazione del pomodoro fatto in casa. Il pomeriggio ha avuto seguito con una merenda equa e solidale con prodotti della Cooperativa Gerico.

Orciano. Anche il circolo Acli G. Toniolo di Orciano ha organizzato un laboratorio di educazione alimentare rivolto ai bambini della scuola primaria, con prodotti a Km0 e del commercio equo solidale in collaborazione con la Sala della pace che ha organizzato una sorta di caccia al tesero contro lo spreco e le cattive abitudini che sono radicate nel nostro quotidiano. Anche a Orciano è stato fatto un aperitivo per i bimbi e i genitori con prodotti a KM0 e biologici.

Sant’Andrea in Villis. Invece il circolo Acli di Sant’Andrea in Villis, in collaborazione con l’Acli di Lucrezia e con la Parrocchia di Fenile, ha organizzato una serie di incontri per proporre una cucina semplice, salutare e accessibile a tutti sensibilizzando sul tema della conservazione e del consumo per limitare il più possibile gli sprechi in cucina. Il primo incontro si è tenuto a Lucrezia, il titolo è stato “Le Conseguenze di sprechi ed eccessi a tavola” – tenuto dalla nutrizionista Alessandra Di Quirico che ha trattato temi riguardanti il diabete, la depressione, gli eccessi a tavola, il cambio di stile di vita, gli alimenti e la nutrizione, l’attività fisica, il movimento; come riporre e conservare il cibo, scadenze ed etichette sugli alimenti, ricette a Km zero e di un buon diario alimentare a cui sottostare. Esaltando il suo dissenso alle diete drastiche. Presso la Parrocchia ed Oratorio di Fenile –con l’Acli di Sant’Andrea in Villis si è tenuto l’incontro con il dottor Roberto Ansuini (cardiologo) sul tema Salute, cuore, alimentazione. Il terzo incontro si è tenuto presso il Circolo Acli di Sant’Andrea in Villis, con lo Chef Franco Mattioli. L’incontro trattava la Lotta allo spreco alimentare, il riutilizzo e il riciclo del cibo: considerate le parole d’ordine per la cucina quotidiana a Km zero. Lo Chef ha permesso di riscoprire sia le tradizioni alimentari contadine del passato, sia i piatti più pratici e funzionali della cucina “povera” ma genuina, come i passatelli, le tagliatelle, le “crestaiate”, le lasagne, la cacciagione, i minestroni con i più vari cereali e legumi e la frutta. Anche il quarto incontro ha visto sempre la partecipazione di Franco Mattioli il quale ha mostrato come fare un pranzo che possa realizzare quanto descritto nell’incontro precedente.

Ringraziamenti. È stata una bella esperienza che ha visto la partecipazione di più di 200 persone, fra i Circoli ACLI di Lucrezia, Cuccurano, Novilara e Sant’Andrea in Villis con iscritti e non iscritti all’Acli. Un grazie va a tutti coloro che hanno collaborato e partecipato, senza dimenticare il 5 x mille del Nazionale Acli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *