Biagio Picone diacono permanente

SANT’ANGELO IN VADO – Con le parole della preghiera semplice di San Francesco d’Assisi, Biagio Picone, nato il 13.02.1973 a Napoli, sposato con Sabina Marsili e papà di Giulia, Antonio e Maria Veronica, sabato 29 giugno ha reso grazie a Dio per il grande dono della vocazione e dell’ordinazione diaconale. A questo appuntamento si è preparato con serietà e fedeltà sorretto dall’amore della sua famiglia e da tutta la fraternità francescana, oltre che dal cappuccino Padre Marzio, sua guida spirituale. Il candidato sta ultimando con soddisfazione la formazione presso l’Istituto teologico di Ancona e lavora presso l’ospedale di Urbino, come infermiere. Molti medici, colleghi infermieri e pazienti testimoniano la sua delicatezza nell’approccio con il malato e la sua preparazione di professionista. La settimana precedente all’ordinazione, la comunità vadese si è preparata spiritualmente con una settimana vocazionale, animata dai padri cappuccini.
Come parroco di Sant’Angelo in Vado, sottolineo che non è semplice esprimere con le parole la gioia per il dono che il Signore ci ha dato e la gratitudine di tutta la comunità vadese. Nella commovente celebrazione di sabato, le parole di mons. Giovanni Tani, nostro Arcivescovo sono arrivate al cuore e rimarranno per sempre nella nostra memoria. Il giorno successivo, durante la messa domenicale, la famiglia di Biagio e la comunità parrocchiale si sono strette, vivendo un indimenticabile momento di vera comunione.
Uno dei frutti del Concilio Ecumenico Vaticano II è stato quello di voler restituire il Diaconato come proprio e permanente grado della gerarchia ecclesiastica (cfr. Lumen gentium , 29; Ad gentes, 16). La costituzione dogmatica sulla Chiesa ha spiegato con profondità gli aspetti teologici dell’Ordine del diaconato e le specifiche funzioni dei candidati. Il diacono nel suo ministero personifica Cristo servo del Padre, partecipando alla triplice funzione del sacramento dell’Ordine: è Maestro, in quanto proclama e illustra la parola di Dio; è Santificatore, in quanto amministra il sacramento del Battesimo, dell’Eucaristia e i sacramentali; è Guida, in quanto è animatore di comunità o settori della vita ecclesiale. In tal senso, il Diacono contribuisce a far nascere la Chiesa come realtà di comunione, di servizio, di missione. Preghiamo affinché l’animo di Biagio non si turbi per le difficoltà ed i contrasti comunitari, ma, al contrario, cresca la sua fiducia in Gesù che ha
redento gli uomini mediante il martirio della Croce. Che il suo cammino progredisca nella fede e che la polvere e il fango nei sandali del suo cammino non sia d’inciampo, ma guardi sempre in alto da dove gli verrà l’aiuto.
L’Unità pastorale della Massa Trabaria e tutta l’Arcidiocesi augurano un felice ministero e di servizio alla Chiesa, augurandogli che quando il cammino sarà faticoso e gravoso di impegni, non accada che per la frustrazione dell’insuccesso, non venga mai meno la fiducia in Cristo.

Mons. Davide Tonti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *