“Ricostruiamo la politica. Orientarsi nel tempo dei populismi”

Nella serata di venerdì 14 giugno, presso l’Oratorio Sant’Orso, è stato presentato il libro di padre Francesco Occhetta “Ricostruiamo la politica. Orientarsi nel tempo dei populismi”. L’evento è stato promosso dall’Ufficio diocesano per i Problemi Sociali e il Lavoro, in collaborazione con l’oratorio di Sant’Orso, l’Ufficio diocesano per le Comunicazioni Sociali, il circolo culturale Jacques Maritain e l’Azione Cattolica Diocesana.

La presentazione è stata moderata dal giornalista RAI Vincenzo Varagona e ha visto la partecipazione di Francesco Occhetta, sacerdote gesuita, giurista, giornalista e da anni redattore della rivista vaticana “La Civiltà Cattolica”.

Nel suo intervento, padre Occhetta ha sottolineato inizialmente come il nuovo libro nasca da due esperienze: il suo impegno come redattore de “La Civiltà Cattolica” e l’impegno, che da diversi anni lo appassiona, cioè quello di accompagnare nella formazione un centinaio di giovani, educandoli alla profondità dell’agire civile e sociale.

Successivamente, padre Occhetta per definire i populismi di oggi, ha ripreso il testo “La sociologia del partito politico” del 1912 dove Robert Michels li descrive come delle burrasche che si infrangono su governi e istituzioni, originando una forza che distrugge tutto ciò che trova. Essi crescono in circostanze particolari che in modo ciclico si ripropongono e proliferano in relazione all’aumento dei flussi migratori, della crisi economica, della spesa militare, trovando un terreno fertile in cui le classi dirigenti da popolari diventano aristocratiche.

Occhetta ha precisato, inoltre, le caratteristiche della cultura populista, tra cui la diversificazione netta tra il nord e il sud politico, la disintermediazione, lo slittamento dal logos come parola ragionata al pathos come parola che fa paura, la mancanza di mediazione e il passaggio dalla democrazia rappresentativa a quella diretta.

“In questo scenario – ha sottolineato padre Occhetta – è urgente rifondare l’identità e l’appartenenza dei cattolici al mondo politico, ripartendo proprio dai giovani e offrendo loro spazi di incontro per generare proposte concrete”.

Il volume presentato offre una chiave di lettura precisa sul delicato momento che sta attraversando la politica italiana evidenziando il compito primario dei cattolici di attuare azioni a difesa dei valori che toccano i vari ambiti umani e sociali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *