Nozze d’argento per la Sinfonica

Torna al Teatro Rossini la stagione musicale Sinfonica 3.0, promossa dall’Orchestra Sinfonica Rossini (OSR) con il sostegno del Comune di Pesaro e di Xanitalia. La rassegna concertistica, articolata in sette appuntamenti, festeggia i 25 anni di attività, importante traguardo che l’Orchestra Sinfonica Rossini raggiungerà nel 2019.

 

Cartellone. Il primo appuntamento con Sinfonica 3.0 è il 23 dicembre (Piazza del Popolo, ore 17, ingresso libero) con un concerto di Natale rivolto in particolare ai più piccoli – un’idea di Franco Signoretti, patron di Xanitalia – con le più belle musiche dei film d’animazione della Walt Disney. Ad esibirsi sarà l’OSR in formazione cameristica diretta da Noris Borgogelli e la cantante Veronica Brualdi. A seguire il tradizionale concerto di Capodanno (Teatro Rossini, 1 gennaio 2019, ore 21.15) con un programma dedicato a Johann e Richard Strauss. Del primo verranno eseguiti celebri valzer, tra cui Sul bel Danubio blu e Kaiser-walzer, mentre di Richard Strauss verrà proposto il poema sinfonico Don Juan. Sul podio il direttore artistico dell’OSR, Daniele Agiman. Il 18 gennaio sarà la volta dei Beatles e dei loro successi arrangiati per grande orchestra. Sul palco, accanto alla Rossini guidata da Roberto Molinelli, autore degli arrangiamenti, ci sarà la cantante Clarissa Vichi. Il 15 febbraio con Deutsche Metamorphosen, in coproduzione con il Teatro Ventidio Basso, al centro della serata vi saranno il concerto per violino e pianoforte di Mendelsshon e Metamorphosen di Richard Strauss, composizione che mette in rilievo il protagonismo dei ventitre strumenti solisti. Dirige Michele Nitti con il duo Gloria Campaner (pianoforte) e Andrea Castagna (violino) (15 febbraio). L’appuntamento successivo (29 marzo) sarà dedicato a Musica Leggendaria – Dal mito al medioevo, un concerto di musica a programma, scritta dal compositore pesarese Cristiano Filippini (Swords and Flames)  e accompagnata da alcuni estratti delle musiche per il balletto Le creature di Prometeo di Beethoven. A seguire (12 aprile) Alice, opera in 2 atti di Massimiliano Messieri il cui libretto è liberamente tratto da “Attraverso lo specchio” di Lewis Carroll, che tratta il tema dell’emigrazione femminile, dell’integrazione giovanile nel mondo del lavoro e di quella interculturale.

 

Finale. La stagione invernale di Sinfonica 3.0 si conclude domenica 19 maggio con l’esecuzione della “Nona Sinfonia” di Beethoven, capolavoro del repertorio classico, che porterà con sé anche una nuova relazione con il Giappone. Sarà in Italia infatti, per una collaborazione biennale, il giovane e pluripremiato direttore d’orchestra Hideaki Harai. [Inizio concerti ore 21.15. Abbonamenti € 85. Biglietti, da 5 a 20 €, in vendita dal 28 novembre alla biglietteria del Teatro Rossini].

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *