Il costo delle mele

Quasi non ci stiamo accorgendo di vivere uno stato di grazia a cui non siamo mai stati abituati: negli ultimi anni, i prezzi delle merci che acquistiamo sono rimasti sostanzialmente invariati. Ci possono essere oscillazioni – soprattutto nel costo dei carburanti –; una stagione le zucchine saranno più o meno care di quella precedente… Ma la spesa tutto sommato è sempre la stessa: ciò vuol dire che si riesce a parametrare meglio le proprie risorse rispetto ai bisogni. Questo guadagno, questo spendo: cosa che, in epoca di inflazione (magari sostenuta), non si riesce a fare, con la capacità d’acquisto erosa di mese in mese. È anche vera l’altra faccia della medaglia: retribuzioni e pensioni sono rimaste sostanzialmente inchiodate. Nei contratti collettivi non si parla quasi più di aumenti salariali; lo Stato ai suoi dipendenti dice ogni giorno: ringraziatemi che vi faccio lavorare; gli autonomi stanno solo ora risollevandosi un po’ da una crisi che ne aveva fiaccato le entrate per anni.

Ma tutto sommato la vita è più semplice. L’inflazione zero non piace assolutamente agli economisti: significa encefalogramma piatto per l’economia stessa. L’inflazione “sana” è ritenuta quella che si attesta attorno al 2%: bassa da non incidere nella vita di tutti i giorni; comunque esistente e certificante un’economia vitale, che cresce e vende i propri prodotti. Rischia di essere per gli economisti un sogno a lungo termine, e non solo in Italia. I cambiamenti epocali che stiamo vivendo porteranno ad un continuo contrarsi dei prezzi: già oggi si vola a prezzi con cui un tempo si imbarcava una valigia; l’e-commerce sta massacrando i negozi fisici e i loro ricarichi; le varie leggi sulla concorrenza impediscono il più possibile i monopoli; le novità tecnologiche stanno spostando l’attenzione collettiva dalla proprietà al noleggio, dal “mio sempre” al “mio quando ne ho bisogno”. E chiaramente ciò abbatte il costo di molte cose. Se tuttavia non avvertiamo molto questo stato di grazia, se invece abbiamo la sensazione di un lento impoverimento collettivo, ciò è dovuto ad un fenomeno che riguarda soprattutto le nuove generazioni, che – se lavorano – guadagnano molto meno dei loro genitori. Che a loro volta si ritrovano i figli “a carico” per troppi anni. La mela costerà sempre uguale, ma con 800 euro al mese non te ne compri tantissime.

Nicola Salvagnin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *