La tensione missionaria come bussola

art 1 AZIONE CATTOLICA

L’Azione Cattolica è lo strumento che il laicato cattolico si è dato per aiutarsi a crescere nella fede all’interno dell’ordinaria vita della Chiesa e quindi nella sua dimensione parrocchiale e diocesana, in collaborazione con i pastori e a servizio delle esigenze pastorali”. Queste parole, che si leggono nel documento dell’Assemblea diocesana dell’A.C. di Pesaro – elaborato in vista della XVI Assemblea Nazionale in programma dal 28 aprile al 1 maggio prossimi a Roma – sottolineano il carattere peculiare dell’Associazione: una realtà che vuole servire la Chiesa universale “servendo la parrocchia e la diocesi” e che si pone pertanto come la più diretta collaboratrice del Vescovo e degli altri pastori. E’ naturale quindi che i componenti del Consiglio diocesano di A.C. appena eletti, guidati dal neo presidente Michele Carboni, abbiano  incontrato – lunedì 3 aprile, in episcopio – S. E. Mons. Piero Coccia, desiderosi di offrirgli la propria collaborazione e di ascoltarne le indicazioni.

Dal confronto è emersa una esplicita sintonia tra le richieste dell’arcivescovo e le scelte fondamentali che danno forma all’associazione stessa: l’impegno formativo ed educativo; l’intergenerazionalità e l’azione di cucitura della vita dei ragazzi, dei giovanissimi, dei giovani e degli adulti; il servizio nelle comunità locali (nella catechesi e nella caritativa, nei gruppi famiglia, nell’animazione liturgica); la tensione missionaria. Scelte che Mons. Coccia ha riconosciuto come pienamente rispondenti alle esigenze attuali della chiesa locale e universale: promuovere la formazione di un laicato maturo, educato a una fede capace di dialogare con la cultura contemporanea; prestare particolare attenzione e cura al mondo degli adolescenti e dei giovani, a cui il Papa ha voluto dedicare un Sinodo nel 2018: evento per il quale anche la nostra arcidiocesi si preparerà convocando tutte le realtà giovanili.

Dell’impegno profuso dall’Azione Cattolica diocesana in alcune parrocchie (Cattedrale, San Francesco, Cristo Re, San Martino, San Pietro, San Michele Arcangelo) l’Arcivescovo si è detto molto grato, pur avanzando due ulteriori richieste: individuare altre comunità parrocchiali in cui si possa dare inizio alla medesima esperienza associativa; sostenere, là dove si è resa necessaria l’istituzione di Unità Pastorali, la fatica che esse comportano di modificare le abitudini, rinunciare ai campanilismi, confrontarsi con prassi diverse e trovare nuovi equilibri. Quanto alla scelta missionaria, essa è pienamente in linea non solo con l’orientamento della chiesa locale, che sul tema “Educare alla missione” ha impostato tutto l’anno pastorale, ma ovviamente anche con l’orientamento della Chiesa universale, che continuamente viene spronata da Papa Francesco ad “uscire” e “annunciare”. Sono molto pertinenti dunque le parole che il Pontefice ha rivolto lo scorso anno agli aderenti all’Azione Cattolica: “Le parrocchie hanno bisogno del vostro entusiasmo apostolico, della vostra piena disponibilità, del vostro servizio creativo. In ciò vi è d’aiuto la popolarità della vostra Associazione, che agli impegni intra-ecclesiali sa unire quello di concorrere alla trasformazione della società per orientarla al bene”.

Paola Campanini

 

NUOVO CONSIGLIO

 

Presidente diocesano: Michele Carboni

Vicepresidenti settore  Adulti: Gabriella Vigo,   Luigi Tonelli

Vicepresidenti settore  Giovani: Alberto Corsini , Giulia Marchionni

Responsabile ACR: Elena Calcinari

Assistente settore Giovani: don Enrico Giorgini

Assistente settore Ragazzi: don Matteo Merli

Assistente generale: da nominare

Consiglieri: Thomas Balducci, Vittoria Fattori, Andrea Sanchioni, Flavia Masini, Alberto Vincenzetti, Beatrice Del Piccolo, Chiara Braccini, Anna Preziosi

Amministratore: Silvia Merli

Segretario; Francesco Corsini

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *