Indumenti intimi

C’è un negozio in Centro (fa parte di una catena) che ha lanciato la rottamazione della mutanda. La notizia è curiosa: se si porta biancheria usata (e suppongo pulita) si riceve un buono sconto per acquistarne di nuova. Adesso immagino che qualcuno dei miei lettori pensi: “Questa te la sei proprio inventata”. Invece la notizia è vera, non faccio il nome del negozio perché la pubblicità si paga e sul Peperoncino costa moltissimo, ma se ancora non ci credete chiamatemi e, solo a titolo personale, vi fornisco nome e indirizzo. Nei giorni scorsi sono uscito a fare shopping (così lo chiamano le donne, mentre gli uomini lo definiscono buttare via i soldi) ed al seguito della consorte sono entrato proprio in quel negozio. Sul banco uno strano oggetto in stoffa ha attirato la mia attenzione. Non riuscendo a qualificarlo mi sono rivolto a mia moglie e, mettendo la mano a pigna ed indicando di nascosto la cosa, ho chiesto informazioni. La mia dolce metà ha stretto le spalle ed a quel punto la mia curiosità si è scatenata. Mi sono rivolto alla direttrice del negozio: “Mi scusi, ma che cosa è?” La risposta è stata: “Per favore non me lo chieda”. Ho apprezzato il garbo ed il riserbo della signora ma lo spirito investigativo del giornalista è incontenibile. Mi sono rivolto alla commessa più giovane e presumo più disinibita chiedendo chiarimenti. La ragazza ha risposto che è un “oggetto” da regalo. “In genere viene acquistato per fare uno scherzo”. Questo ha risolto i miei dubbi. Poi mi ha fatto notare della biancheria maschile esposta in vetrina. Abbinato alla mutanda, stesso colore, c’è un frustino. Spero lo acquistino come scacciamosche.

Alvaro Coli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *