Balotelli

Mario Balotelli è tra i più grandi talenti del calcio italiano. Sfacciato, generoso, infantile, da quando ha debuttato con l’Inter di Roberto Mancini, è costantemente nella bufera. Di lui si sono occupati tutti: scrittori, capi ultra, politici, ministri e responsabili del calcio, che hanno dovuto modificare le norme federali per tamponare la grandine di cori razzisti che per mesi l’ha preso a bersaglio.
Noi, non tifosi di calcio, di lui non possiamo dire nulla, salvo che riportarne le grandi capacità atletiche. Certo è un personaggio strano, ma non più di tanti altri atleti italiani. Al massimo, copiando il Cavaliere, possiamo dare la definizione di Obama. “Un giovanotto abbronzato”, per il resto è italianissimo, con pregi e difetti. Comunque il problema attuale non è il suo, ma della politica italiana. Famosi giornalisti e docenti universitari discettano in televisione se l’acquisto del Milan possa aumentare e di quanto i voti del Cavaliere. Siamo veramente un Paese strano: una palla di cuoio entra o non entra in una rete ed i voti si elevano o si abbassano di conseguenza. Non conta lo spread, la crisi bancaria, le percentuali di disoccupati, le aziende che chiudono; quello che conta è il gol. Panem et circenses dicevano gli antichi romani. Proprio di questo ha bisogno il Paese: il calcio allo stadio, le stupidaggini televisive, il lotto ed i gratta e vinci. Dicono che 80.000 persone hanno deciso di cambiare il loro voto dopo l’acquisto del Milan. Siamo proprio alla frutta!
Alvaro Coli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *