Terremoto

“Mi scusi, lei che professione pratica?” Sono sismologo.
“Dunque studia i terremoti? Allora stia molto attento, perché se prevede un
movimento tellurico che poi non avviene, verrà denunciato per procurato allarme; se invece il sisma si verifica e lei non ha lanciato il segnale di pericolo
verrà condannato a quattro anni di carcere per strage”.
“E lei, signor Pasquale Esposito di che si interessa?” Studio la Smorfia, cioè predìco i numeri del Lotto interpretando i sogni. “E mi dica, escono?”
Guardi è una questione matematica, prima o poi qualsiasi numero su qualsiasi
ruota viene estratto. “Certo, non si preoccupi, nessun giudice la condannerà mai per truffa”.
Due professioni diverse: la prima basata su accurati studi scientifici che ci informano della non prevedibilità dei terremoti, ma solo della probabilità che avvengano in una determinata zona entro periodi di tempo limitati; la seconda che si basa sulla capacità di convincimento di strani personaggi e la credulità
popolare.
“E lei, dottor Buttalachiave, che attività svolge”? Io sono un giudice penale,
valuto le prove contro i sospetti, metto in carcere i colpevoli e lascio liberi gli innocenti. “Allora può stare tranquillo, anche se nella sua attività commettesse dei grossolani errori, ovviamente involontari, a nessuno mai passerà per la
mente di mandarlo in galera”..
Alvaro Coli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *