Wrestling

Per fortuna non tutti conoscono questa forma di lotta che combina performance atletiche e teatrali. Si tratta di due omaccioni che, sul ring, che fanno finta di darsele di santa ragione. Spesso sono mascherati e questo fa pensare che si vergognino di recitare quelle scene finte truculente, dove il vincitore è già scritto a tavolino. Il wrestling è seguito soprattutto negli USA, da gente di bocca buona. In Italia siamo diversi, seguiamo il calcio. Ma siamo davvero sicuri che contrariamente al wrestling i risultati non siano scritti a tavolino? Le cronache sportivo-giudiziarie ci fanno temere che il numero di imbrogli sia così elevato solo per proporre uno spettacolo che attragga il grosso pubblico. Non parliamo dei tornei minori, dove giovanotti sudati e in mutande si applicano con una buona volontà ed un impegno degni di miglior causa, ma delle squadre del massimo campionato, dove sempre giovanotti in mutande e sudati, ma strapagati, con molta probabilità sanno i risultati delle partite già dagli spogliatoi. Se per caso il clima agonistico e la foga portassero a risultati diversi, allora dovrebbe intervenire l’arbitro per ricondurre i contendenti alla ragione. L’importante è che il pubblico si diverta ed alcuni faziosi estremisti abbiano la possibilità di picchiarsi fra di loro e devastare stadi, macchine e zone circonvicine. Ovvio poi che le famiglie disertino queste occasioni di prendere botte, ma che importa, i diritti televisivi portano abbastanza denaro da far proseguire lo spettacolo. Come direbbero gli americani, che di queste cose se ne intendono, “The show must go on”.
Alvaro Coli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *