Batman

Da ragazzino mi piacevano i fumetti (ancor oggi se mi capitano sotto mano li sfoglio) e ricordo volentieri fra i Super eroi Batman, l’uomo pipistrello. Il personaggio, in calzamaglia nera e mantello sfrangiato, è sempre accompagnato da Robin (in italiano Pettirosso) un ragazzino che lo segue nelle sue avventure. Mi ha sempre dato l’impressione di un pedofilo, ma lasciamo perdere … Batman è un miliardario americano, dal fisico perfetto, che spende il suo denaro e le sue energie per combattere il “male”.
Le cronache politico giudiziarie ci propongono oggi un altro Batman, un Fiorito (anzi ormai sfiorito) consigliere regionale del Lazio, non era miliardario come il suo omonimo americano ma sembra che lo sia diventato. Quanto a combattere il male poi, ho forti dubbi. A dire la verità il fisico corpulento non si adatta molto alla calzamaglia, anzi se volessimo condannarlo dovremmo costringerlo ad indossarla e pubblicare la foto su tutti i giornali. Fiorito è sicuramente innocente, tutti lo siamo finchè un tribunale in terzo grado di giudizio non ci proclama colpevoli. Oggi poi è stato arrestato, per rischio di fuga e occultamento delle prove. Lasciamo ai tribunali i relativi giudizi. Però mi chiedo: “La mensa del carcere avrà nel suo menù aragoste e champagne?” Devo ricordarmi di chiederlo ai miei amici della Casa Circondariale di Villa Fastigi la prossima volta che li vado a trovare. Infine rubo (siamo sempre in tema) la battuta al vignettista del Resto del Carlino: “Quanto può costare una cena a base di aragoste e champagne? – Non lo so, io non mi occupo di politica”.
Alvaro Coli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *